Featured post

Intervista del Quotidiano Sanità al Presidente del Co.Ge.A.P.S.

Published by:

Speciale Formazione Ecm – quotidianosanita.it – 13 Luglio 2022 – Il presidente dott. Roberto Monaco fa il punto sulla formazione ECM in vista della fine del corrente triennio formativo segnato dalla pandemia COVID-19.

Presidente Monaco, la fine del triennio formativo ECM è alle porte e molti si domandano cosa si rischia a non raggiungere gli ECM necessari. Quali sono le conseguenze per i sanitari non in regola?
La legge è chiara: esistono delle sanzioni disciplinari che vanno dall’avvertimento alla censura, fino a situazioni ancora più gravi. Ciò che conta però è che tutti quelli che hanno la possibilità di fare i crediti formativi, ovvero che hanno ancora tempo da qui al 31 dicembre 2022, devono in tutti i modi cercare di risolvere il problema formativo. Questo perché non è soltanto un problema disciplinare. Esiste infatti una legge che impone almeno il 70% dei crediti formativi per poter accedere all’assicurazione professionale. Si tratta dunque non solo di un obbligo morale o etico, ma anche di un obbligo di legge. Detto questo, più aumenta la voglia dei medici di formarsi, più la formazione sarà di qualità. Se un medico vuole formarsi andrà a cercare sempre di più una formazione di valore, di alta qualità. Allo stesso modo, il formatore farà di tutto per offrire una formazione sempre più ampia e di livello.

Sono previste altre proroghe?
Non sono previste altre proroghe. Le proroghe ci sono state in passato ma i trienni non sono più prorogabili. Chi è riuscito a fare i crediti, a questo punto ha avuto la possibilità di sanare anche i trienni precedenti. Adesso invece siamo in un in un triennio che si concluderà a fine anno. È vero che siamo a luglio ma il 31 dicembre è proprio dietro l’angolo, quindi il consiglio è quello di provare a fare una formazione di qualità e in Italia c’è n’è tanta.

Quali sono le conseguenze per chi non sarà in regola?
Le conseguenze sono quelle di sanzioni disciplinari previste per legge. Ma la cosa importante è l’atteggiamento proattivo. A me non interessa che un medico o un professionista sanitario venga sanzionato. Mi interessa un professionista aggiornato con una buona formazione, proprio perché dobbiamo dare al cittadino la sicurezza che la sua salute venga gestita da personale aggiornato, formato e preparato.

Possiamo dire che in termini di formazione ECM si apre un nuovo corso?
Il nuovo corso si è già aperto con la legge sulla formazione, sull’ECM. Le leggi vanno applicate ma chiaramente per applicare le leggi bisogna fare in modo che vengono rispettate. Per rispettarle bisogna che il professionista si aggiorni e si formi.

Speciale Formazione Ecm – quotidianosanita.it – 13 Luglio 2022

Roberto Monaco nuovo Presidente Co.Ge.A.P.S.

Published by:

Il dott. Roberto Monaco, Segretario generale della Federazione Nazionale degli Ordini dei Medici (FNOMCeO), è il nuovo Presidente del Co.Ge.A.P.S., Consorzio Gestione Anagrafica delle Professioni Sanitarie. Il dott. Monaco è stato eletto all’unanimità, nel corso dell’Assemblea del 20 maggio 2022, dai rappresentanti di tutte le Professioni sanitarie. Monaco sostituisce Enrico De Pascale, scomparso il 5 aprile scorso.

Lutto per la scomparsa del Presidente De Pascale

Published by:

black-ribbon

Con grande commozione dobbiamo comunicare che si è spento a Roma il dott. Enrico De Pascale, Presidente del Consorzio Co.Ge.A.P.S. da Dicembre 2019.

L’Assemblea, il Comitato Esecutivo, collaboratori e personale del Co.Ge.A.P.S, si uniscono al cordoglio della famiglia e di quanti lo hanno conosciuto, nel ricordo di una persona eccezionale umanamente e professionalmente, che tanto ha contribuito, nei vari ruoli rivestiti, all’interno Co.Ge.A.P.S, del mondo della Sanità e della Formazione Continua.

Applicazione Delibera CNFC per l’attribuzione automatica dell’esenzione per pensionamento

Published by:

Gentili Utenti,

a seguito della Delibera CNFC del 14/12/2021, è stata implementata a sistema la riduzione dell’obbligo ECM professionale per “Pensionamento”. La Delibera prevede che per i professionisti che hanno compiuto il settantesimo anno d’età il Co.Ge.A.P.S. riconosce in modo automatico l’esenzione per i professionisti pensionati che esercitano saltuariamente la professione.

L’esenzione è stata applicata a partire dallo 01/01/2017, e riduce l’obbligo formativo ECM in maniera proporzionale al periodo interessato, nella misura di 2 crediti ogni 15 giorni di durata dell’esenzione, nel limite dell’obbligo formativo individuale triennale.

Rimane fermo l’obbligo del singolo professionista di comunicare l’esercizio non saltuario dell’attività professionale tramite il portale Co.Ge.A.P.S., essendo in tal caso soggetto all’obbligo formativo ECM. Tale comunicazione equivale a rinuncia dell’esenzione.

Come specificato dalla Delibera CNFC del 04/02/2021, per ”professionisti sanitari in pensione che esercitano saltuariamente l ‘attività professionale” si intendono coloro che sono collocati in quiescenza ed esercitano saltuariamente l’attività professionale sanitaria da cui deriva un reddito annuo non superiore a 5.000,00 euro.

Pertanto, l’assenza di uno dei due requisiti comporta il decadimento del diritto a fruire dell’esenzione, che va comunicato sul portale del Co.Ge.A.P.S. tramite l’apposita funzionalità che permette di sospendere l’esenzione modificando la data di fine, attribuita di default.

 E’ possibile consultare una breve guida per la gestione dell’esenzione cliccando QUI.